Turismo in Sicilia




Zafferana Etnea



Zafferana Etnea, centro estivo ed invernale per l'Etna, sorge a 574 m sul livello del mare, sulle pendici orientali del vulcano più attivo d'Europa. Meta di turisti attratti dalla spettacolarità delle sue eruzioni, di tanti villeggianti richiamati dal patrimonio artistico, monumentale e culturale, di amanti dell'escursionismo,attira un grande flusso di visitatori anche in inverno; gli impianti di risalita dell'Etna nord ricadono, infatti, nel territorio di Zafferana.



La "perla dell'Etna", così come la chiamano in tanti, vanta una produzione agricola basata sulla coltivazione di uva da mosto, frutta e funghi, ma è anche parecchio conosciuta per il suo squisito miele e per i relativi derivati.
L'apicultura è infatti l'attività più fiorente che ha reso la cittadina uno dei maggiori produttori in campo nazionale e che ha permesso a Zafferana di fregiarsi del titolo di "Città del Miele".
Le specialità di miele tipico varia da quello di zagara,a quello di arancio, castagno, eucalipto, limone, millefiori e ficodindia.
Altrettanto importante risulta essere la produzione artigianale, che punta soprattutto sulla ceramica e sui manufatti in pietra lavica.

Il paese deve il suo nome al termine arabo "Zafaran", che significa giallo, il colore delle ginestre selvatiche che rappresentano il fiore tipico della zona, nonchè il colore dello zafferano, diffusissimo nei boschi circostanti.

Manifestazioni:



- Ottobrata Zafferanese con sagre dell'uva, della mostarda, dei funghi, del vino e delle castagne (tutte le domeniche di ottobre).
- Etna in scena (luglio - ottobre).
- Premio Brancati.
- Festa padronale della Madonna della Provvidenza (seconda domenica di agosto).
- Festeggiamenti M. SS. Del Rosario (ultima domenica di luglio)
- Festa di S. Martino (sabato e domenica successiva all’11 novembre)
-Scalata Zafferana – Piano del Vescovo ciclismo (seconda domenica di luglio)  
- Mercato settimanale : il venerdì - Piazza sottostante la Villa Comunale

Da visitare:



P.zza Umberto I, centrale luogo di ritrovo di zafferanesi, sulla quale si apre un belvedere che dà sui sottosanti giardini pubblici,con curate siepi che formano disegni geometrici,palme e roseti e una bella fontana circolare. Da qui si gode uno stupendo panorama che spazia fino alla lontana Calabria e al Golfo di Siracusa. Chiunque abbia avuto modo di affacciarsi da quella terrazza "ideale"non troverà un caso che il regista Franco Zeffirelli abbia scelto proprio quelle valli e i suoi dolci declivi per girarci"Storia di una Capinera", tratto dal romanzo di Verga. Di fronte alla piazza svetta il palazzo Municipale (fine ottocento),preceduto da una scalinata liberty a doppia rampa fiancheggiata da belle statue. Al suo interno si trovano due pregevoli tele di Giuseppe Sciuti, una delle quali raffigura l'eruzione dell'Etna del 1852.
Di fronte alla Piazza Umberto si erge maestosa la Chiesa Madre intitolata alla Madonna della Provvidenza,ricostruita dopo il terremoto del 1817. La chiesa si contraddistingue per lo stile barocco siciliano,con due campanili gemelli e facciata in pietra bianca, che spicca al confronto con la scalinata curvilinea di pietra lavica. A poca distanza merita una visita anche la Chiesa della Madonna delle Grazie di fronte alla quale si apre il Parco Comunale, ricco di flora nei graziosi vialetti. Camelie, ortensie, magnolie e alberi secolari,unitamente al piccolo belvedere ed all'aristocratica palazzina, rendono il parco ricco di suggestione.
Da non perdere il Parco delle miniature della Sicilia, immerso nel verde con ristorante annesso, dove si possono gustare i piatti tipici Siciliani e trascorrere una giornata in tutta tranquillità. Nel parco troverete le miniature dei maggiori monumenti storici della Sicilia, fatte in scala che rispecchiano fedelmente gli originali. Qui potrete visitare anche il Museo degli antichi mestieri,il Museo Casa dell'Ape e il Museo della Fauna e Flora dell'Etna(per info e prenotazioni tel 095 7082907 - 095 7081036 cell. 392 2342675).
Interessante la visita alla Casa Museo dell'Apicoltore, che aiuta a comprendere la vita delle api attraverso un itinerario nella storia e nell'evoluzione di questo stupefacente insetto.

I dintorni del paese sono splendidi e offrono la possibilità di intraprendere numerosi itinerari naturalistici, tutti compresi nel territorio del Parco dell’Etna: l’Ilice di “Carrinu”, la “Cisternazza”, Monte Zoccolaro, Parco dell'Etna, Rocche Musarra, la Val Calanna, la Valle Del Bove, la Valle Di S. Giacomo-Scalazza, il Vallone Acqua Rocca degli Zappini.